Il concorso Chiamata alle arti! è aperto con due bandi per l’arte contemporanea

Artiste, artisti, collettivi artistici e associazioni culturali sono invitati a partecipare alla seconda edizione del concorso Chiamata alle arti!. Il 20 maggio scorso è stata inaugurata Residenzamuseo/02, la mostra che espone il lavoro dei vincitori della prima, gli artisti Gianluca Gimini e Monika Grycko.
Chiamata alle arti! si compone di due bandi, uno per artisti (Comune di Imola, Area Servizi al cittadino – Cultura e Scuola Determinazione dirigenziale. N. 373 del 08/06/2017 ) ed uno per associazioni culturali (Comune di Imola, Area Servizi al cittadino – Cultura e Scuola Atto monocratico n. 67 del 06/06/2017).

Le domande dovranno pervenire dalla data di pubblicazione del bando sul sito dei Musei civici di Imola entro il 30 settembre 2017 tramite posta elettronica all’indirizzo musei@comune.imola.bo.it.

Il concorso è finalizzato alla valorizzazione dei linguaggi e delle ricerche artistiche più emergenti, anche attraverso la sensibilizzazione della popolazione locale nei confronti dell’arte contemporanea.
 Il Museo di San Domenico, la Rocca Sforzesca, la casa museo di Palazzo Tozzoni con le loro collezioni che spaziano dalla preistoria alla contemporaneità, la storia che li lega alla città, gli edifici storici in cui sono allestiti, gli spazi espositivi, il personale che vi lavora, il pubblico che li frequenta, sono i luoghi, i temi, le persone al centro del concorso.

Il primo bando Chiamata alle Arti! Bando per Residenzamuseo/03 invita artisti/e collettivi artistici a partecipare a Residenzamuseo/03, il programma di residenza nato nel 2016 con lo scopo principale di promuovere le professioni artistiche.

Il sostegno agli artisti/e contemporanei è sempre stato al centro della missione dei Musei. Il programma di residenza vuole offrire uno spazio di ricerca, di confronto e di produzione: consente ai creativi di ottenere un accesso unico alle collezioni del museo e avvalersi delle competenze curatoriali e tecniche del personale del museo.
L’artista scelto dovrà sviluppare un progetto inedito, avendo a disposizione uno studio ricavato all’interno del Museo di San Domenico e un compenso di euro 2000,00 per sviluppare il progetto.
Durante il periodo di residenza l’artista sarà invitato a interagire con il pubblico e a condividere il proprio lavoro, con l’obiettivo di favorire gli scambi culturali e suggerire nuove modalità di relazione con il territorio. Chi si aggiudicherà la residenza lavorerà con e nei musei, garantendo minimo un mese di lavoro. Alla fine del periodo di residenza, a maggio, verrà allestita una mostra personale.

L’esito del concorso e l’avvio della nuova Residenza sarà condiviso durante un evento presso la Salannunziata di Imola.

Scarica il bando e la domanda di partecipazione per Residenzamuseo/03:
Chiamata alle Arti_artisti_bando per Residenzamuseo3
domanda di partecipazione per residenzamuseo3

Il secondo Chiamata alle Arti!  Bando per Associazioni culturali ha l’obiettivo di individuare un’associazione culturale con cui i Musei collaborino per la realizzazione di un progetto di mostra da inaugurare nel 2018 negli spazi espositivi al piano terra del Museo di San Domenico o presso la Salannunziata. La proposta vincitrice sarà quella che dimostrerà maggiore qualità artistica e sarà rivolta una particolare attenzione alle proposte che prevedono la produzione di lavori artistici inediti e site-specific. Il confronto con il tessuto sociale e il patrimonio culturale, artistico e museale della città e la capacità di coinvolgimento della cittadinanza, saranno elementi altrettanto importanti.

Scarica il bando e la domanda di partecipazione per associazioni culturali:
Chiamata alle Arti_bando per associazioni 2017
domanda di partecipazione per associazioni

 La commissione che valuterà è composta da Claudia Pedrini, direttore Musei civici di Imola, gli artisti Gianluca Gimini, artista e Monika Grycko, vincitori della prima edizione di Chiamata alle arti, l’artista e blogger Luca Rossi e Giulio Verago, curatore e responsabile programmi educativi di Viafarini, Milano. Questa edizione di Chiamata alle arti si arricchisce infatti della collaborazione con Viafarini (www.viafarini.org), organizzazione non profit nata agli inizi degli anni Novanta a Milano con l’intento di favorire la crescita professionale dei giovani artisti e sensibilizzare il pubblico rispetto all’arte contemporanea. Viafarini unisce attività espositiva, didattica e servizi di documentazione sulle arti visive ed è riconosciuta come uno dei più importanti spazi indipendenti per l’arte contemporanea in Italia.

quando
apertura concorso dal 10 giugno 2017 al 30 settembre 2017

dove
inviare i materiali a musei@comune.imola.bo.it

info
Musei civici di Imola
via Sacchi 4
0542-602609
musei@comune.imola.bo.it